Sondaggio “Useresti la PrEP?”

English version below

Plus onlus ha condotto nel 2013 e poi nel 2015 un sondaggio relativo alle conoscenze e atteggiamenti nei confronti della PrEP tra gli omosessuali italiani. Qui di seguito i risultati.

Useresti la PrEP? Tendenze negli MSM tra il 2013 e il 2015

autori: G.M. Corbelli 1,2, S. Mattioli 1, M. Degli Esposti 1, P. Gorgoni 1, S. Pieralli 1

affiliazioni: 1 Plus onlus, 2 European AIDS Treatment Group

Obiettivi Valutare la conoscenza attuale e le intenzioni di uso futuro della profilassi pre-esposizione (PrEP) tra i maschi che fanno sesso con maschi (MSM) in Italia, analizzare i cambiamenti avvenuti nei due anni passati e indagare come l’uso della PrEP possa modificare i cambiamenti sessuali degli MSM.

Metodi Sondaggio sul web, auto somministrato da 465 MSM a marzo 2015 i cui risultati sono stati paragonati a un simile sondaggio condotto a marzo 2013.

Risultati La maggior parte dei partecipanti era sessualmente attiva (quasi 9 su 10 riferiscono di aver fatto sesso anale negli ultimi sei mesi, stessa proporzione del 2013); uno su quattro (24,5%) non ha mai sentito parlare di PrEP, confrontato con più della metà (53,5%) nel 2013. La proporzione di partecipanti che userebbero la PrEP diminuisce dal 64,4% nel 2013 al 55,9% nel 2015; la PrEP è ancora più interessante per coloro che non ne avevano sentito parlare (61,9% contro 53,9%) e in coloro che non hanno usato un preservativo l’ultima volta che hanno fatto sesso (67,3% contro 47,9%).

Ai partecipanti che riferiscono di non voler usare la PrEP e di non sapere se la userebbero (rispettivamente il 27,7% e il 16,3% nel 2015 contro il 17,7% e il 17,9% nel 2013) è stato chiesto di spiegare le ragioni: la quota di persone preoccupate dalla affidabilità della PrEP sono diminuite negli ultimi due anni (8.8% nel 2015 contro 29.0% nel 2013 non crede affatto sia affidabile e 18.5% nel 2015 contro 26.3% nel 2013 non sa quanto sia affidabile), mentre le persone già informate sulla PrEP più frequentemente credono non sia affidabile affatto. Quasi uno su due tra coloro che non userebbero la PrEP pensa che dovrebbe essere disponibile per altre persone (45.4% nel 2015 contro 45.2% nel 2013); altri (27.8% nel 2015 e 33.5% nel 2013) pensano che non dovrebbe essere resa disponibile perché porterebbe a un minor utilizzo del preservativo.

Tra coloro che userebbero la PrEP, più della metà (50.8% nel 2015 e 53.7% nel 2013) preferirebbe una strategia intermittente; la maggior parte (75.4% nel 2015 contro 49.3% nel 2013) dicono di conoscere la PrEP. Ai partecipanti che prenderebbero la PrEP è stato chiesto come cambierebbe la loro vita sessuale: più di 6 su 10 (64.2% nel 2015 e 59.6% nel 2013) farebbero sesso con la stessa frequenza di adesso. Rispetto all’uso del preservativo, meno di 3 su 10 (29.0%, stessa proporzione nel 2013) cambierebbero il loro comportamento (non userebbero il condom in alcune occasioni anche se ora riferiscono di usarlo sempre) mentre gli altri continuerebbero a usarlo “sempre”, “quasi sempre” o “mai o quasi mai” (27.0%, 20.5%, 17.8% nel 2015 contro 37.4%, 17.9% e 11.4% nel 2013 rispettivamente). Lo status HIV del partner non è un elemento che porta a cambiare il proprio comportamento sessuale, mentre lo è il conoscere bene il proprio partner sessuale (il 36.5 nel 2015 e il 39.5% nel 2013 cambierebbe il proprio comportamento in conseguenza del fatto di fare sesso con un partner stabile, una persona con cui si fa sesso regolarmente o un partner occasionale).

Conclusioni L’informazione sulla PrEP si sta diffondendo ma sembra alimentare paure più che fiducia. Ciononostante, coloro che beneficerebbero di più dall’uso della PrEP sembrano desiderosi di usarla. La compensazione del rischio non sembra essere una preoccupazione.

English Version

Would you use PrEP? Trends among MSM between 2013 and 2015

authors: G.M. Corbelli 1,2, S. Mattioli 1, M. Degli Esposti 1, P. Gorgoni 1, S. Pieralli 1

affiliations: 1 Plus onlus, 2 European AIDS Treatment Group

Objective To assess current knowledge and intended future use of pre-exposure prophylaxis (PrEP) among men who have sex with men (MSM) in Italy, to evaluate changes happened in the past two years and to investigate how PrEP use could affect the sexual behaviour of MSM.

Methods Self-administered web-based survey of 465 MSM (more data could be added) on March 2015 whose results were compared with a similar survey conducted in March 2013.

Results Most of responders were sexually active (almost 9 in 10 reported having had anal sex in the last six months, same as 2013); one out of four (24.5%) never heard about PrEP, compared to more than half (53,48%) in 2013. The proportion of respondents who would use PrEP decreased from 64.4% in 2013 to 55.9% in 2015; PrEP is even more interesting for those who did not hear about it (61.9% vs 53.9%) and for those who did not use a condom last time they had sex (67.3% vs 47.9%).

The participants who reported they would not use PrEP or do not know whether they would use it (respectively 27.7% and 16.3% in 2015 vs 17.7% and 17.9% in 2013) were asked about their reasons: those concerned about its reliability decreased in the past two years (8.8% in 2015 vs 29.0% in 2013 do not think it is reliable at all and 18.5% in 2015 vs 26.3% in 2013 do not know how reliable it is), with people already informed about PrEP more likely to think it is not reliable at all. Almost one out of two among those who would not take PrEP thinks it should be available for other people (45.4% in 2015 vs 45.2% in 2013); others (27.8% in 2015 vs 33.5% in 2013) think it should not be available because it would lead to lower condom use.

Among those who would use PrEP, more than one half (50.8% in 2015 vs 53.7% in 2013) would prefer an intermittent strategy; most of them (75.4% in 2015 vs 49.3% in 2013) said they knew about PrEP. Responders willing to take PrEP were then asked about changes in their sex life: more than 6 in 10 (64.2% in 2015 vs 59.6% in 2013) would have sex with the same frequency they have now. In terms of condoms use, less than 3 in 10 (29.0%, same as 2013) would change their behaviour (they would not use condoms in some occasions even if they now report to always use condoms) while the others would continue to “always”, “almost always” or “never or almost never” use condom (27.0%, 20.5%, 17.8% in 2015 vs 37.4%, 17.9% and 11.4% in 2013 respectively). The partner’s HIV status is not such a strong driver for change in sexual behaviour as knowing well the partner is (36.5 in 2015 vs 39.5% in 2013 of responders would change their behaviour according to the fact they have sex with their steady partner, a person with whom they have sex regularly or an occasional partner).

Conclusions Information about PrEP is increasing but it seems fuelling fears more than confidence. Nevertheless, those who would most benefit from PrEP use seem willing to take it. Risk-compensation does not seem a high concern.

Abstract presented at:

  • ICAR 2016 – Italian Conference on AIDS and retrovirus” • Palazzo dei Congressi, Riccione– 17-19 maggio 2015, oral communication at the session: SOCIAL AND BEHAVIOURAL SCIENCE.

Links: