Categorie
Altre fonti

Belgio: ministra della salute dice sì alla PrEP gratuita

A partire dal prossimo 1° giugno, i farmaci usati come strategia preventiva contro l’Hiv saranno rimborsati per le persone a rischio. Lo ha annunciato la ministra della Salute pubblica belga, Maggie De Block, in un comunicato. Le persone che presentano il rischio più elevato di contrarre l’Hiv sono gli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini e le persone provenienti dall’Africa subsahariana. Questi farmaci antivirali a scopo preventivo o profilassi pre-esposizione (PrEP) sono somministrati a persone a rischio di contrarre l’Hiv. Da non confondere con il trattamento post-esposizione dell’Hiv (PEP) che va preso entro le 72 ore successive a una esposizione al rischio. Questi ultimi sono dei trattamenti di urgenza preventivi mentre la PrEP non è pensata per persone che si siano trovate in una situazione a rischio ma che presentino un più alto rischio di infezione.

“Ben inteso, è comunque cruciale che queste persone prendano, come tutti, le precauzioni necessarie e che si facciano testare regolarmente per assicurarsi di non aver contratto l’Hiv o un’altra infezione sessualmente trasmissibile” ha sottolineato la signora De Block.

Prima del rimborso della PrEP, un medico valuterà il rischio di contagio della persona. Il rimborso del farmaco sarà comunque legato a un adeguato collegamento con un centro di riferimento per l’Hiv, precisa il comunicato.

Tutte le informazioni relative al rimborso sono disponibili sul sito dell’Istituto nazionale d’assicurazione malattia-invalidità (Inami).

fonte: lalibre.be

 

Condividi