Categorie
Altre fonti

Studio su anticorpi anti-HIV fornisce primi risultati positivi

Un grande studio internazionale ha dimostrato che è possibile prevenire l’infezione da HIV con anticorpi neutralizzante ad ampio spettro

Un grande studio internazionale ha dimostrato che è possibile prevenire in alcuni casi l’infezione da HIV con infusioni di una proteina particolarmente potente nota come anticorpo neutralizzante ad ampio spettro, anche se probabilmente sarà necessaria una combinazione di proteine ​​diverse e più potenti per bloccare tutti i ceppi del mutevole virus.

Secondo il leader della sperimentazione Dr. Larry Corey, acclamato virologo e professore presso il Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle, i risultati degli studi Antibody Mediated Prevention, o AMP, resi noti il 26 gennaio sono una importante “prova di principio” che dimostra che è possibile bloccare l’HIV con infusioni bimestrali di questi anticorpi.

I risultati provengono da un paio di studi AMP che dal 2016 hanno arruolato 4.623 volontari in quattro continenti. Lo studio è stato progettato per valutare se un singolo anticorpo neutralizzante ad ampio spettro, noto come VRC01, potesse essere somministrato in modo sicuro mediante flebo endovenosa e per fornire informazioni dettagliate sulla capacità di bloccare l’infezione da parte di diversi ceppi di HIV.

Per anni, i ricercatori che lavoravano per trovare un vaccino contro l’HIV sono stati ostacolati dalla capacità dell’HIV di superare una serie di anticorpi che il nostro sistema immunitario normalmente utilizza per controllare i virus invasori. L’AMP è stato istituito per testare se le infusioni di un anticorpo neutralizzante ad ampio spettro – uno che l’HIV non poteva facilmente eludere attraverso la mutazione – potevano bloccare nuove infezioni.

L’ anticorpo VRC01 è stato originariamente scoperto nel sangue di un paziente affetto da HIV e prodotto in serie in laboratorio come un cosiddetto anticorpo monoclonale. È lo stesso processo utilizzato per trattare i pazienti COVID-19 con anticorpi prodotti in laboratorio che prendono di mira la proteina spike del coronavirus.

Gli studi hanno rilevato che questo anticorpo ha bloccato completamente circa il 30% dei ceppi di HIV circolanti nelle comunità in cui sono state testate le infusioni, ma non era abbastanza potente da bloccare l’altro 70% dei ceppi, e quindi di per sé non è un candidato efficace per la prevenzione di HIV.

Apre il campo per lo sviluppo 

Di conseguenza, ha spiegato Corey, questo studio ha dimostrato che, proprio come sono necessarie combinazioni di diversi farmaci antiretrovirali per trattare l’HIV, combinazioni di anticorpi più potenti, compresi alcuni scoperti dal lancio dello studio AMP, potrebbero essere in grado di prevenirlo. Sono già in corso le prime sperimentazioni per testare questi cocktail di anticorpi su volontari umani.

“Questa prova ha avuto un successo incredibile. Apre il campo per lo sviluppo di cocktail di anticorpi monoclonali”, ha detto Corey oggi durante una conferenza stampa prima di Research for HIV Prevention, una conferenza internazionale sulla scienza della prevenzione dell’HIV che si apre online il 27 gennaio.

In un’intervista, Corey ha detto che i risultati dello studio gli hanno dato un senso di déjà vu, perché decenni fa ha svolto un ruolo chiave nelle sperimentazioni dell’AZT, il primo antivirale trovato per inibire l’HIV, il virus che causa l’AIDS. Quel farmaco, di per sé, si è dimostrato efficace nel bloccare l’HIV, ma in molti casi può essere sopraffatto nel giro di pochi mesi da ceppi del virus in rapida mutazione capaci di aggirarlo. 

Per inscatolare il virus in rapida evoluzione, gli scienziati si sono resi conto che avrebbero avuto bisogno di combinazioni di diversi farmaci per l’HIV e quella scoperta ha portato in pochi anni a regimi a tre farmaci a metà degli anni ’90 che hanno trasformato l’HIV da una condanna a morte a una malattia cronica gestibile.

Lo studio AMP sottolinea perché l’HIV è un virus così “formidabile”, ha detto Corey, ma a suo avviso la scoperta più importante dello studio è che ha permesso di avere per la prima volta una soglia misurabile che indica quando gli anticorpi monoclonali funzionano e quando no.

Un test – sviluppato dal Dr. David Montefiore del Duke Human Vaccine Institute – può misurare la potenza della capacità di un determinato anticorpo di bloccare l’HIV. Lo studio AMP ha scoperto che se un anticorpo raggiunge una certa soglia di potenza contro un ceppo di HIV, lo blocca; se fosse più debole di quel livello, l’anticorpo fallirebbe.

Lo studio ha mostrato che l’anticorpo ha raggiunto la soglia contro il 30% dei ceppi di HIV che ha incontrato, ma non era abbastanza potente da fermare altri ceppi. È importante sottolineare che lo studio ha rivelato che la forza necessaria affinché l’anticorpo agisca contro tutti i ceppi di HIV dovrebbe essere circa 10 volte più potente di VRC01.

Corey ha detto che questo risultato è estremamente importante per la progettazione di futuri farmaci per la prevenzione dell’HIV.

“Il test era capace di predire perfettamente cosa funzionava e cosa no”, ha detto Corey. “Ora possiamo usare questo test per definire un più potente anticorpo neutralizzante ad ampio spettro.”

Durante la conferenza stampa, Corey ha indicato diversi nuovi studi che stanno testando se forme più potenti di VRC01 o combinazioni di anticorpi neutralizzanti ancora più potenti identificati dal 2016 potrebbero essere abbastanza forti da prevenire l’infezione. Sono compresi studi su una versione ad azione prolungata di VRC01 e prove iniziali sull’uomo di combinazioni di due o tre diversi anticorpi neutralizzanti ad ampio spettro.

“Possiamo usare questo test per sviluppare anticorpi neutralizzanti ad ampio spettro più potenti, e probabilimente con questo strumento può essere più facile cercarne di nuovi che siano migliori, più potenti e più economici”, ha detto Corey.

Sponsorizzato dal NIAID, lo studio ha abbracciato quattro continenti

AMP è stato sponsorizzato dall’Istituto Nazionale di Allergie e Malattie Infettive statunitense (NIAID) e ha arruolato volontari in sperimentazioni parallele. Gli studi sono stati condotti in collaborazione da due organizzazioni supportate dal NIAID, l’HIV Vaccine Trials Network o HVTN, che ha sede presso il Fred Hutch Research Center, e l’HIV Prevention Trials Network o HPTN, un’organizzazione sorella nella Carolina del Nord. Uno studio negli Stati Uniti, in Sud America e in Svizzera ha reclutato uomini e persone transgender che hanno rapporti sessuali con uomini. Uno studio complementare ha arruolato donne in sette paesi dell’Africa subsahariana.

Poiché VRC01 non è stato in grado di bloccare tutti i ceppi nello studio AMP condotto da HVTN, è stato riscontrato che l’anticorpo riduce le infezioni complessive da HIV del 27%. Nello studio nell’Africa subsahariana – che ha una famiglia diversa di ceppi di HIV – era del 9%.

Il dottor Carl Dieffenbach, che dirige la ricerca sull’AIDS al NIAID, ha affermato che lo studio AMP ha consolidato la nostra comprensione del controllo degli anticorpi dell’HIV e ha fatto alcune scoperte rivoluzionarie che informeranno i futuri sforzi di prevenzione.

“Innanzitutto, ha dimostrato che le infusioni di questo anticorpo neutralizzante ad ampio spettro erano sicure. Ci sono state circa 44.000 infusioni nel corso di questo studio in più continenti – ha detto in un’intervista– Ci dà davvero un controllo su un paio di cose. Ci dice quale livello di neutralizzazione è necessario per fornire protezione. Ci dice anche la quantità di anticorpi che dovremmo indurre con la vaccinazione”.

Dr. Shelly Karuna, medico dello staff senior di Fred Hutch ha anche fatto un confronto dei risultati delle prove AMP con i primi studi dell’AZT.

“Non era perfetto, ma cerchiamo di non fare che il ‘perfetto’ diventi nemico del ‘bene’ – ha detto – Questo anticorpo monoclonale imperfetto ma buono, VRC01, è promettente per il campo”.

Sebbene i ricercatori stiano anche scoprendo che nuove formulazioni orali e iniettabili di combinazioni di farmaci antivirali, o PrEP, sono efficaci nel fornire una protezione duratura contro l’HIV, Karuna ha detto che il controllo di questa pandemia richiederà una cassetta degli attrezzi con molte opzioni.

“Rispetto a certe caratteristiche, gli anticorpi sono unici”, ha detto. “Possono anche collaborare con il nostro sistema immunitario. Possono completare la nostra risposta immunitaria “.

Gail Broder, senior community engagement project manager per lo studio AMP, ha affermato che sono necessari studi futuri per trovare le migliori combinazioni di anticorpi in grado di bloccare l’HIV, in modo simile al modo in cui fanno le combinazioni di farmaci antivirali.

Ha detto che uno degli aspetti più notevoli dello studio è che questi test così ampi e complessi potrebbero essere condotti in tutto il mondo. Più di 4.500 partecipanti hanno acconsentito a regolari esami del sangue per l’HIV e infusioni di anticorpi ogni otto settimane per due anni. Sono stati divisi in gruppi che hanno ricevuto uno dei due dosaggi degli anticorpi o un placebo. Nonostante tutto quel lavoro e l’incertezza, gli studi sono stati rapidamente arruolati completamente e hanno avuto un tasso di ritenzione – la percentuale di partecipanti che ha completato il numero previsto di visite – superiore al 90%.

“Possiamo uscire da questo processo con una grande speranza”, ha detto Broder. “Ci ha dato un segnale molto chiaro di dove sta andando questo approccio alla prevenzione dell’HIV”.

traduzione dell’articolo originale in inglese: HIV antibody trial results offer ‘proof of concept’

Condividi